Contenzioso bancario

Risoluzioni controversie - metodi stragiudiziali

25/09/2018

Il contenzioso bancario viene spesso intrapreso da un buon numero di imprese che hanno diversi debiti, senza la consapevolezza della casistica entro la quale rientrano.

 

 

 

Infatti il significato generico di contenzioso bancario riconduce a tutte quelle situazioni riguardanti “liti” o non accordi, o mancati rispetti di un accordo, su un prodotto o servizio bancario e il suo titolare e fruitore. Per cui sarebbe più corretto fare una distinzione tra un contenzioso fisiologico, detto anche passivo ed uno invece solamente ‘eventuale’ che è di tipo attivo.

 

 

 

Passivo: situazione in cui il fruitore e titolare di un servizio non rispetta gli accordi pattuiti. (Ad esempio, ritardo o mancato pagamento) In questi casi inizia un percorso che tenta di sfociare bonariamente, fino a giungere a provvedimenti che variano a seconda del tipo di violazione commessa.

 

 

 

Attivo: nasce con l'affermazione dell'anatocismo e continua con l'ulteriore nascita di centri specializzati nel sostegno dei titolari di prestiti o mutui, che si trovano nell’ipotesi di contratti ai quali le banche hanno applicato tassi di usura.

 

 

 

La procedura di contenzioso bancario è uno degli strumenti più diffusi per la risoluzione delle controversie tra gli imprenditori e gli intermediari finanziari, in particolare nell’ambito di anomalie bancarie quali appunto usura, anatocismo o interessi extra legali. Il contenzioso bancario si riferisce anche a tutte le procedure giudiziali e stragiudiziali utili a risolvere le problematiche che nascono tra le banche ed i propri clienti, e che non necessariamente sfociano in una contestazione di fronte ad un tribunale.

 

 

 

Esistono quindi strumenti di risoluzione alternativa delle tensioni finanziarie che consentono di raggiungere una composizione bonaria del contenzioso attraverso un accordo tra le parti con soluzioni concordate più rapide e meno costose rispetto alle dispute davanti al giudice.

 

 

 

La negoziazione è il primo strumento che viene in mente per giungere ad una risoluzione delle controversie, ma non è l’unico. Tra i metodi più comunemente utilizzati nel contenzioso bancario si riscontrano anche la conciliazione o mediazione e l’arbitrato, da utilizzarsi in relazione all’intensità del conflitto insorto tra le parti.

 

 

 

La soluzione più semplice e meno dispendiosa si rivela quando i contendenti riescono a comunicare in modo efficace e attraverso la negoziazione diretta riescono a pervenire ad un nuovo assetto di interessi che consente loro di prevenire o superare la disputa. Spesso però accade che la trattativa, solitamente basata sulle contrapposte posizioni avanzate, entra in crisi, dato che risulta difficile fare concessioni all’altra parte, le informazioni scambiate sono limitate e spesso risulta più facile rimanere nemici giungendo a situazioni di stallo.

 

 

 

Per aprire un contenzioso bancario è necessario e fondamentale affidarsi a consulenti specializzati che ogni giorno affrontano casistiche del genere. Gli esperti di Sfera Servizi sono in grado di assistervi nella gestione del rapporto con l’istituto di credito avviando tutte le strategie utili a costruire un dialogo costruttivo e concludere accordi vantaggiosi.

 

SFERA SERVIZI S.r.l.
unipersonale

 

Partita Iva 08211830966

 

Sede Legale e Uffici Milano:

  Piazza A. Diaz 5 g 20123 MILANO

tel. 02 84176 495 g 02 84176 490

 

Uffici Palermo:  

L.go Lituania 11 g 90146 PALERMO 

tel. 091 678 8262 g 091 678 8105

 

fax unico 091 748 2031

 

info@sferaservizi.it