FINALITÀ

L’intervento è rivolto a sostenere le piccole e medie imprese che desiderino migliorare la propria performance economico finanziaria e le proprie condizioni di accesso al mercato del credito.
A tal fine è previsto l’avvio di check-up economico-finanziari/gestionali e l’analisi per la valutazione del rating, per fare fronte a tali esigenze

 

SOGGETTI INTERESSATI

Possono risultare interessati a tali attività:

1.   imprese in leggera tensione finanziaria 

2.   imprese che devono affrontare nuovi investimenti

3.   imprese che vogliono verificare la loro posizione e la loro immagine finanziaria rispetto
      al sistema bancario e parabancario prima di richiedere finanziamenti

4.   imprese che vogliono ridurre i costi per oneri finanziari

5.   imprese che hanno effettuato chiusure a stralcio con istituti di credito e hanno difficoltà
      di accesso al credito

6.   imprese che hanno difficoltà di accesso al credito

7.   imprese che hanno definito dei concordati, che ne condizioneranno l’immagine finanziaria,
      per loro e per i soci e fideiussori

8.   imprese che hanno in atto contestazioni bancarie

9.   soci di imprese che rientrano nelle fattispecie di cui sopra

10. imprese collegate a imprese che hanno le problematiche sopra esposte

 

TIPOLOGIA DI INTERVENTI 

Per fare fronte alle esigenze di:

• risistemazione delle banche dati, 

• ripristino equilibrio economico finanziario, 

• riduzione dei costi per oneri finanziari, 

• migliore accesso al credito, 

• cancellazione banche dati e pregiudizievoli su società, imprese collegate e soci, 

si potranno effettuare i seguenti interventi: 


 

1. Check-up economico-finanziario.


Obiettivo dello studio è l’individuazione delle strategie e delle soluzioni finanziarie 
prospettiche finalizzate a migliorare l’assetto finanziario dell’impresa, a partire da un’esatta identificazione degli elementi di criticità riscontrati nella gestione aziendale, in modo da supportare in maniera concreta l’attività dell’impresa. 

 

Lo studio dovrà comprendere:

• un’analisi approfondita, sia passata (situazione contabile e finanziaria degli ultimi tre/cinque anni) sia prospettica.

• un’analisi approfondita delle banche dati finanziarie

• un’analisi approfondita delle banche dati commerciali

• un’analisi approfondita riguardo della situazione dell’indebitamento (con costruzione di indici e flussi finanziari), della situazione dei crediti e dei dati strutturali di patrimonio e immobilizzazioni. 

 

Inoltre, in considerazione del fatto che una molteplicità di elementi concorrono nel determinare il successo o meno di un’impresa, è necessaria una valutazione complessiva delle variabili di contesto in cui l’azienda opera quali, a titolo esemplificativo:

 

• una valutazione dell’idea imprenditoriale, 

• posizionamento di mercato,

• valutazione dei concorrenti attuali e potenziali,

• valutazione e esame dell’organizzazione aziendale, con riferimento alle procedure amministrative, informative e produttive.

 

 

2. Check-up gestionale

Obbiettivo dello studio è l’effettuazione di un check up a livello gestionale al fine di valutare la necessità dell’introduzione di un sistema di controllo di gestione. Di solito segue il check-up economico-finanziario, e viene associato come intervento ai programmi di risanamento e/o di sviluppo. 

Lo studio deve comprendere:

• un’analisi preliminare del sistema informativo contabile esistente (gestionale), delle sue potenzialità e della documentazione prodotta e producibile mediante lo stesso, 

• un’analisi preliminare delle procedure amministrative, 

• un’analisi preliminare del piano dei conti, 

• la valutazione della sua adeguatezza a fini gestionali.

 

E’ necessaria inoltre un’analisi:

• della distinta base

• del processo produttivo (nel caso si tratti di società manifatturiera)

• della struttura aziendale e delle funzioni non produttive (amministrativa, commerciale, ricerca e sviluppo, ecc.).


 

Al termine dell’intervento sarà predisposto un documento specifico con i risultati emergenti dal check-up gestionale, l’eventuale individuazione della struttura di report da predisporre nonché una proposta operativa per la progettazione e l’introduzione del sistema del controllo di gestione.

 

3. Analisi per la valutazione del Rating-Scoring-Indice di Haltman- dei nuovi criteri legati all’introduzione degli IFRS9

Obbiettivo dell’analisi dei rating e degli altri indici di cui sopra è la valutazione del rischio finanziario di un’impresa in un orizzonte di medio periodo sulla base della ponderazione di elementi quantitativi (ratios) e qualitativi. La valutazione quantitativa deve esprimere un giudizio sulla base di indicatori relativi agli equilibri strutturali, indebitamento, liquidità e redditività (ad es. il ROI ed il cash flow operativo), la capitalizzazione dell’impresa (ad es. il ROE), la centrale dei rischi, l’indice di copertura degli interessi passivi. 

 

La valutazione comprende anche una ponderazione di elementi qualitativi quali: 

• lo stadio del ciclo di vita dell’impresa; 

• gli assetti proprietari e la qualità del management; 

• le caratteristiche e l’andamento del settore in cui opera l’azienda; 

• il posizionamento competitivo e le strategie aziendali prospettiche; 

• la qualità del sistema informativo aziendale.

 

La performance aziendale deve essere confrontata con un campione settoriale e dimensionale per valutare nel modo più corretto i risultati realizzati dall’impresa. Il periodo di osservazione dei dati rilevati deve prevedere almeno un triennio a consuntivo e un triennio previsionale.

Nel caso in cui il rating e gli altri indicatori riferiti ai dati storici dell’impresa non consentano un accesso al credito, o possano presentare un’immagine finanziaria dell’impresa deleteria per la stessa, occorrerà avviare gli interventi rivolti al ripristino dei corretti indicatori, che comunque necessita dell’identificazione degli elementi di criticità e delle cause che li hanno generati.

Quindi occorrerà effettuare un check up economico finanziario e un programma di risanamento prospettico, con un impianto di sistema di controllo di gestione per cercare di raggiungere gli obiettivi programmati e di conseguenza gli indici che migliorino l’immagine e l’equilibrio finanziario dell’impresa.

Si può presentare domanda per i singoli interventi oppure per gli interventi 1 e 3, ovvero 2 e 3.

 

__________________________________________________

 

N.B. Gli interventi vengono effettuati esclusivamente come consulenza. Per l’assistenza per servizi specialistici quali quelli di mediazione, si procederà ad invitare l’impresa a rivolgersi a un soggetto avente i requisiti di legge.

 

 

SFERA SERVIZI S.r.l.
unipersonale

 

Partita Iva 08211830966

 

Sede Legale e Uffici Milano:

  Piazza A. Diaz 5 g 20123 MILANO

tel. 02 84176 495 g 02 84176 490

 

Uffici Palermo:  

L.go Lituania 11 g 90146 PALERMO 

tel. 091 678 8262 g 091 678 8105

 

fax unico 091 748 2031

 

info@sferaservizi.it